Byblis liniflora

Da Wikiplants.
Bylis liniflora
B liniflora-1.jpg
Nome scientifico: Byblis liniflora
Nome comune: Pianta arcobaleno
Famiglia: Byblidaceae.
Distribuzione: nord dell'Australia (regione del Queensland)
Habitat: Luoghi umidi.
Tipo di trappola: A colla , senza muovimento .



Indice

Descrizione

B.liniflora è una pianta annuale dal portamento eretto, si sviluppa con un fusto centrale che solitamente non presenta ramificazioni. Questo è alto fino a 40-50 cm e presenta foglie lunghe e sottili totalmente ricoperte da ghiandole piliformi. Questa Byblis cresce in prevalenza in luoghi umidi, spesso a ridosso di torrenti ed acquitrini, solitamente in posti dove l'erba alta riesce a schermarla dal sole più violento. Prende il nome dalla somiglianza dei suoi fiori con quelli della pianta del lino.

Distribuzione

La Byblis liniflora si ritrova nel nord dell'Australia, specialmente nella regione del Queensland, e nel nord della Nuova Guinea.

Tipo di trappola

Le trappole sono a colla di tipo passivo, e quindi non in grado di avviluppare la preda.

Dai test eseguiti sono stati ottenuti risultati discordi sulla capacità di questa pianta di poter realmente digerire gli insetti che essa cattura. E' stata osservata in natura una singolare simbiosi con emitteri del genere Setocoris, che hanno la capacità di muoversi sulle foglie delle Byblis senza rimanere inviaschiati, nutrendosi degli altri insetti che non hanno la sua stessa fortuna. E' ipotizzabile che gli emitteri defecando sulla pianta apportino nutrimento a questa, che diversamente non avrebbe possibilità di nutrirsi, come succede fra Pameridae e Roridula.

Fiori

Violetti, solitari, a cinque petali.

Coltivazione

Il substrato deve essere composto in parti uguali da:

E' da preferire l'utilizzo di vasi capienti, larghi almeno 15 cm e possibilmente piuttosto alti. L'acqua va somministrata dal sottovaso ogni qualvolta è stata assorbita quella precedente. Esposizione al pieno sole e, se necessario, fornire una leggera ombreggiatura durante l'estate.


Propagazione

Da seme

È sufficiente spargere i semi sul substrato e porli in posizione fortemente illuminata ad una temperatura non inferiore a circa 20°C. La B.liniflora mal tollera i rinvasi ed è perciò opportuno seminarla nel vaso in cui dovrà rimanere per tutta la sua vita, oppure seminare un singolo seme per ogni vasetto, e trapiantarlo successivamente nel vaso finale con l'intero pane di torba.

Da talea

E' possibile la moltiplicazione da talea prelevando delle porzioni apicali di fusto di circa 10 cm, ponendole a radicare in un substrato composto da sfagno secco reidratato misto a perlite (30:70) oppure da perlite pura, da mantenersi sempre umido.


Voci correlate



Articolo scritto da RaistliN, Claudio

fonti ccphotofinder

Strumenti personali