Benvenuto su Carnivorous Plants Italia. Se vuoi avere accesso completo, registrati cliccando qui.

Fibra di cocco

Re: Fibra di cocco

Messaggioda capensos » 09/10/2011, 11:36

Ciao io ho fatto germinare in acqua dei semi di dionaea, il 1 settembre li ho invasati, alcuni in puro cocco, altri in cocco perlite, altri in torba perlite e altri in lana di roccia, ma quella è un altra storia :) Volevo farvi vedere quanto una torba scadente (o conservata in modo scadente) potrebbe aver influito sulla crescita di queste dionee. Dico potrebbe perchè partendo da seme va considerata l'ampia varietà  genetica, inoltre non ho usato un numero sufficente di seedlings per poter trarre delle conclusioni, voglio solo mostrare le foto dei diversi vasetti tutti tenuti nelle stesse medesime condizioni, gli uni accanto agli altri nel terrario. (mi scuso per la qualità  scadente, devo comprarmi una macchina fotografica!)

Ecco come si presentano le piantine cresciute nel solito mix:

7418

Anche se dalla foto non sembra stanno tutte molto bene, semplicemente hanno soltanto 3-4 trappole.

Ecco le pianticelle in cocco-perlite:

7419

Le trappole sono pi๠numerose e pi๠grandi

Ed il vaso in solo cocco:

7415

Trappole ancora pi๠grandi.

Non voglio dire che il cocco sia meglio della torba, però in questo caso particolare mi ha dato risultati nettamente migliori.

Edit: ho corretto la foto sbagliata.
Ultima modifica di capensos il 09/10/2011, 14:18, modificato 1 volta in totale.

"squat is the way"
Avatar utente
capensos
Collaboratore
Collaboratore
 
Messaggi: 1415
Iscritto il: 31/03/2011, 7:43
Località: Ferrara
Medals: 2
Contributo al WP (1) Video Tutorial (1)
Coltivatore: 29 mar 2011
Nome: Giovanni

Condividi su:

Condividi su Facebook Facebook Condividi su Google+ Google+

Re: Fibra di cocco

Messaggioda mordred90 » 09/10/2011, 11:50

capensos ha scritto:Ciao io ho fatto germinare in acqua dei semi di dionaea, il 1 settembre li ho invasati, alcuni in puro cocco, altri in cocco perlite, altri in torba perlite e altri in lana di roccia, ma quella è un altra storia :) Volevo farvi vedere quanto una torba scadente (o conservata in modo scadente) potrebbe aver influito sulla crescita di queste dionee. Dico potrebbe perchè partendo da seme va considerata l'ampia varietà  genetica, inoltre non ho usato un numero sufficente di seedlings per poter trarre delle conclusioni, voglio solo mostrare le foto dei diversi vasetti tutti tenuti nelle stesse medesime condizioni, gli uni accanto agli altri nel terrario. (mi scuso per la qualità  scadente, devo comprarmi una macchina fotografica!)

Ecco come si presentano le piantine cresciute nel solito mix:

7418

Anche se dalla foto non sembra stanno tutte molto bene, semplicemente hanno soltanto 3-4 trappole.

Ecco le pianticelle in cocco-perlite:

7419

Le trappole sono pi๠numerose e pi๠grandi

Ed il vaso in solo cocco:

7419

Trappole ancora pi๠grandi.

Non voglio dire che il cocco sia meglio della torba, però in questo caso particolare mi ha dato risultati nettamente migliori.

la foto cocco e perlite e solo cocco sono le stesse :)
Avatar utente
mordred90
Utente
Utente
 
Messaggi: 2165
Iscritto il: 26/03/2011, 11:16
Località: palermo
Coltivatore: 0- 0-2010
Nome: Giulio

Re: Fibra di cocco

Messaggioda Simeth » 09/10/2011, 12:32

Raistlin ha scritto:Se ti interessa la marca quella che ho visto è la Bio Bizz Coco Mix che se pur buona ,non costa neppure minimamente come la fibra di cocco prodotta dalla Canna che si paga 16-18€ il sacco da 50litri

Se io non sperimento non posso dire che per me và  bene e allora si sperimenta , come giustamente stà  facendo Rey.

Noto un certo nervosismo quando ti leggo , io non voglio assolutamente dire che quello che dici è sbagliato, suppongo sei un naturalista convinto ed in questo non posso darti che atto di quello che fai e dici , ma a me pare che se và  bene a te deve andare bene a tutti , sai perfettamente che non è cosଠe non lo sarà  mai , io stesso ho delle piante in cocco , ma stò provando dall'anno passato , e se continua cosଠ, passerò al cocco , ma se uno non prova non può sapere se per lui và  o non và  bene .
Se poi coltivare da 5 anni e aver fatto un solo rinvaso totale questa primavera , vuol dire distruggere un ecosistema , sicuramente lo stò distruggendo , ma stò cercando anche di vedere se il cocco lo posso adoperare senza che mi dia problemi , a me non basta leggere e dire si fà  cosà¬,io devo provare , passami la battuta, sono come San Tommaso se non lo vedo non ci credo, d'altronde se non ci fosse stato qualcuno che ha provato ad adoperare la fibra di cocco al posto della torba non ci sarebbe soluzione alla torba , adesso che si sà  che si può adoperare io la provo e poi se i risultati sono come tutti dicono la adopererò .

Dacci delle info su come adoperi tu il cocco (come detto da gio_mene) cosଠpossiamo vedere e confrontare le nostre esperienze


Il mio non è affatto nervosismo, io semplicemente sto studiando biologia, ho avuto l'occasione di lavorare su una torbiera della mia zona e nutro passione per questi habitat e per queste specie, e per questo mi sento in obbligo di fare tutto il possibile per non partecipare alla loro distruzione, dovessi anche arrivare a smettere di coltivare (cosa che non è il caso poichà© le alternative ci sono).

Il fatto non è se va bene A ME, il fatto è che ci sono alternative valide (già  su sarrazin's si leggeva dell'uso della segatura, su cpuk c'e' un messicano con un confronto torba-cocco dove la dionaea in cocco ha dimensioni quasi doppie, io trovo che sia eccellente e mi dia addirittura meno problemi della torba, T. Bailey ha detto di aver ottenuto gli stessi risultati sulle sarracenie sia usando cocco che usando la torba). Io ho sempre sostenuto le alternative e la sperimentazione, ma quando pi๠persone, di parti del mondo completamente differenti ottengono buoni risultati con il cocco è una presa in giro venir a dire che la torba è ancora meglio, non è al momento sostituibile o discorsi simili.
Costa di pi� Si fanno sacrifici o si riducono rinvasi o numero di piante.
Già  solo la torba pare che se non abbia certi parametri sia da scartare a priori, eppure questi sembrano calati da qualche entità  divina e nessuno sa spiegarmi perchà© devono essere tali, quindi che senso ha accettare i "dogmi della torba" e mettere in discussione continuamente risultati ottenuti con altri substrati?
Alternative ce ne sono, e ognuno che abbia un po' di inventiva può provare qualche nuovo substrato, quindi io mi sento di condannare chi usa la torba, semplicemente perchà© partecipa alla distruzione degli habitat di quelle che dovrebbero essere le nostre amate, quando se ne potrebbe fare tranquillamente a meno.

Io ho utilizzato il cocco della Kokofina che acquisto ad Yvà©rdon, ne ho discusso ampiamente su un altro forum italiano (citando anche alcuni rivenditori presenti nel nord italia), ma anche qui credo ci sia qualcosa, ne ho inoltre discusso su swiss-carni (dove qualcuno ha iniziato a provarlo anche su Byblis sp.) e ne discuto continuamente in via privata con altri coltivatori.

Sicuramente poi ci saranno altri mille validi sostituti, ma io insisto sul cocco perchà© da buonissimi risultati e si può acquistare via web (quindi è potenzialmente reperibile per tutti).
Immagine
Avatar utente
Simeth
Utente
Utente
 
Messaggi: 26
Iscritto il: 16/06/2010, 15:19
Località: Lugano - Svizzera

Re: Fibra di cocco

Messaggioda capensos » 09/10/2011, 14:21

Ho corretto :P grazie Giulio

"squat is the way"
Avatar utente
capensos
Collaboratore
Collaboratore
 
Messaggi: 1415
Iscritto il: 31/03/2011, 7:43
Località: Ferrara
Medals: 2
Contributo al WP (1) Video Tutorial (1)
Coltivatore: 29 mar 2011
Nome: Giovanni

Re: Fibra di cocco

Messaggioda gio_mene » 09/10/2011, 14:29

si potrebbe fare una lista delle marche di cocco con le relative valutazioni...(e relativi shop in internet) come c'è sul wiki quello delle torbe...

Simeth puoi dirmi qualcosa anche sulla segatura...
Avatar utente
gio_mene
Utente
Utente
 
Messaggi: 441
Iscritto il: 21/10/2010, 14:16
Località: Bovolone (VR)
Medals: 1
Contributo al WP (1)
Coltivatore: 0- 0-2010
Nome: Giovanni

Re: Fibra di cocco

Messaggioda Crusher_182 » 09/10/2011, 15:00

Simeth il cocco che usi che salinità  ha?? Lo sciacqui prima di adoperarlo??
Alessandro
Perchà© stai leggendo la mia firma filiuolo???
MY GROWLIST
Avatar utente
Crusher_182
Utente
Utente
 
Messaggi: 611
Iscritto il: 11/05/2010, 20:16
Località: Roma

Re: Fibra di cocco

Messaggioda Er Biconzo » 09/10/2011, 17:15

Rispondendo a Simeth, oltre a notare il suo solito nervosismo (al quale ormai sono/siamo abituati), vorrei come al solito fare presente che la torba viene e verrà  sempre comunque usata finchà© ce ne sarà  disponibile: non è che le aziende la vanno a scavare per noi coltivatori di piante carnivore, la torba è venduta da decenni come ammendate per il comune giardinaggio, ed i comuni contadini la usano ed useranno sempre ed ancora, senza preoccuparsi di reperire fonti alternative.
La dura realtà  è sempre quella, ben al di là  degli ideali idealistici (perdonami il gioco di parole): i soldi la fanno da padrone.
Se usiamo ancora la benzina al posto delle fonti rinnovabili è semplicemente perchà© costa ancora meno rispetto alla produzione di motori ad idrogeno, e solo quando questo costerà  troppo (ovvero quando starà  per esaurirsi) si diffonderanno sempre pi๠macchine con fonti alternative, ma sempre gradualmente (dalle ibride che abbiamo adesso si passerà  alle fuell cell, per poi arrivare proprio a motori con combustione ad idrogeno).

Questi discorsi te li dice uno che è amante delle energie rinnovabili (a casa mia ho da anni i pannelli solari per l'acqua calda, e presto metterò anche i fotovoltaici, ma non mi dispiacerebbe anche una bella pala eolica :) ), ma al contempo non si fa prendere dalle frenesie idealistiche ma anzi tende a stare con i piedi ben piantati a terra e guardare quali sono le realtà  dei fatti, ed inoltre accettando e rispettando i pareri e le volontà  del prossimo.

Chiuso il discorso "verde", passerei al vero succo della questione:

A) datte na calmata :P
Non arrivare sempre con l'ascia di guerra in mano e sempre ad attaccare (per paura di essere attaccato??).
Qui su CPItalia non solo non è necessario un atteggiamento del genere (come avrai visto vige il massimo rispetto per le regole e tra gli utenti), ma non è inoltre tollerato.
Se quindi avrai piacere di parlare con noi, e a me/noi farà  molto piacere, adeguati allo standard di QUESTO forum, lasciando a casa, o su altri forum se tollerato, il nervosismo che fai trasparire dai tuoi discorsi.
Questo rispetto lo devi in primis agli utenti, che sentendosi appellare come "assassini", "pezzenti" o discorsi del genere (bada bene, io ho capito perfettamente il tuo discorso e so che è stata una estremizzazione, ma ricordati che "il mondo è bello perchà© è vario", quindi tra 1000 persone che leggono, di sicuro almeno 20 che travisano e si offendono, li trovi) potrebbero offendersi, ed in secundis a te stesso, perchè parlando con calma potrai essere di maggiore aiuto a chi legge ed evitare di sminuire il tuo operato (chiarimenti al punto B).


B) Qui nessuno MAI ti criticherà  per le tue esperienze o per i tuoi pareri, ma è sbagliato, in ogni frangente, demonizzare un determinato oggetto (la torba in questo caso, ma in alti frangenti potrebbe essere la velocità  sulle strade, le centrali nucleari o quant'altro) e schierarsi a priori verso un determinato "concorrente": questo atteggiamento (e telo dice un umile medico che però ha studiato anche marketing nella vita) non farà  altro che produrre l'effetto contrario, ovvero screditare l'oggetto che propugni e rilanciare invece il "demonizzato".


C) il Wikiplants ha una raccolta fotografica e descrittiva di tutte le migliori torbe in commercio, poter fare una cosa analoga con le marche di cocco sarebbe molto utile ai coltivatori italiani, se quindi volessi contribuire segnalando le marche che hai testato, quelle che hanno i migliori rapporti qualità  prezzo ecc, sarebbe cosa gradita a tutto il popolo italiano (il Wikiplants ha visibilità  maggiore rispetto a qualsiasi post in evidenza di qualsiasi forum)



Con questo spero di trovare un tuo consenso ed un radicale cambio di registro, e sono certo che quando anche tu sarai entrato nell'ottica di CPItalia e della sua serenità , ti troverai anche tu meglio :)

Ciao e grazie per l'attenzione

Gianluigi
Avatar utente
Er Biconzo
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 7802
Iscritto il: 23/03/2010, 19:24
Località: Albano Laziale (ROMA)
Medals: 1
Amministratore (1)
Titolo: The Doctor
Coltivatore: 19 feb 2002
Nome: Gianluigi

Re: Fibra di cocco

Messaggioda KoShiatar » 09/10/2011, 19:44

gio_mene ha scritto:si potrebbe fare una lista delle marche di cocco con le relative valutazioni...(e relativi shop in internet) come c'è sul wiki quello delle torbe...



Concordo, la cosa mi interessa molto perchà© se è possibile fare a meno della torba, volentieri la abbandono.
Er Biconzo, capisco il tuo discorso, tuttavia tanti pochi fanno un molto: vale per i pannelli fotovoltaici, vale per le alternative alla benzina, e anche per la torba. Io direi che vale la pena provare, se non altro perchà© le palme da cocco sono una fonte rinnovabile, la torba no.
KoShiatar
Utente
Utente
 
Messaggi: 74
Iscritto il: 23/09/2011, 16:53

Re: Fibra di cocco

Messaggioda Er Biconzo » 09/10/2011, 20:28

KoShiatar ha scritto:
gio_mene ha scritto:si potrebbe fare una lista delle marche di cocco con le relative valutazioni...(e relativi shop in internet) come c'è sul wiki quello delle torbe...



Concordo, la cosa mi interessa molto perchà© se è possibile fare a meno della torba, volentieri la abbandono.
Er Biconzo, capisco il tuo discorso, tuttavia tanti pochi fanno un molto: vale per i pannelli fotovoltaici, vale per le alternative alla benzina, e anche per la torba. Io direi che vale la pena provare, se non altro perchà© le palme da cocco sono una fonte rinnovabile, la torba no.



Penso che hai travisato il mio discorso/intento: io la fibra di cocco la uso da tempo, soprattutto per le nepenthes, ed è anche per questo che sul Wikiplants ho voluto fortemente una scheda dedicata alla fibra di cocco.
http://www.cpitalia.net/wiki/index.php? ... a_di_cocco
Ma da realista quale sono, affermo che se è ancora cosi poco diffusa non è una questione di ignoranza o menefreghismo della collettività , ma il tutto è da ricercarsi unicamente nel maggior costo della fibra di cocco.
Quando i substrati alternativi costeranno meno della torba, tutti, proprio tutti, coltiveranno in fibra di cocco, moorland gold od altri substrati alternativi.
Semplicemente, al momento, i tempi non sono ancora maturi, ma i nostri figli useranno materiali alternativi (e non per un raptus ambientalista, ma unicamente per questioni economiche).

PS: tanto per sottolineare che CPI ama la natura, lo sfondo di tutto il forum di CPItalia è volutamente nero per consumare meno energia elettrica.
Questo non è costato nulla farlo, ma stai certo che se per dover fare lo sfondo nero aruba chiedesse 200€ in pi๠all'anno per il pagamento del dominio, vedresti solo siti bianchi in giro per la rete.
Avatar utente
Er Biconzo
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 7802
Iscritto il: 23/03/2010, 19:24
Località: Albano Laziale (ROMA)
Medals: 1
Amministratore (1)
Titolo: The Doctor
Coltivatore: 19 feb 2002
Nome: Gianluigi

Re: Fibra di cocco

Messaggioda Simeth » 09/10/2011, 21:44

Er Biconzo ha scritto:Rispondendo a Simeth, oltre a notare il suo solito nervosismo (al quale ormai sono/siamo abituati), vorrei come al solito fare presente che la torba viene e verrà  sempre comunque usata finchà© ce ne sarà  disponibile: non è che le aziende la vanno a scavare per noi coltivatori di piante carnivore, la torba è venduta da decenni come ammendate per il comune giardinaggio, ed i comuni contadini la usano ed useranno sempre ed ancora, senza preoccuparsi di reperire fonti alternative.
La dura realtà  è sempre quella, ben al di là  degli ideali idealistici (perdonami il gioco di parole): i soldi la fanno da padrone.


Allora, sino a quando non si andrà  a ridurre la domanda di torba perchà© "il cocco è caro e allora non lo compero" è ovvio che i produttori continueranno a venderlo, come è altresଠovvio che sino a quando non aumenterà  la domanda del cocco il suo prezzo rimarrà  "alto".

I contadini vanno educati, poichà© l'uso del compost sarebbe a loro sicuramente pi๠conveniente, dà  pi๠benefici al suolo e inoltre è pi๠stabile nel tempo per le sue proprietà  chimico-fisiche (e questo lo dicono anche professori di pedologia).

Er Biconzo ha scritto: non si fa prendere dalle frenesie idealistiche ma anzi tende a stare con i piedi ben piantati a terra e guardare quali sono le realtà  dei fatti


Anche io sono con i piedi per terra e la realtà  dei fatti è quella che è: se si continua ad usare torba per pigrizia o per permettersi una o due sere in pi๠al bar o al cinema, le torbiere continueranno ad essere sfruttate per ricavarne torba, e arrivati ad un certo punto sarà  ormai troppo tardi persino iniziare opere di restaurazione.


Er Biconzo ha scritto:A) datte na calmata :P
Non arrivare sempre con l'ascia di guerra in mano e sempre ad attaccare (per paura di essere attaccato??). Questo rispetto lo devi in primis agli utenti, che sentendosi appellare come "assassini", "pezzenti" o discorsi del genere (bada bene, io ho capito perfettamente il tuo discorso e so che è stata una estremizzazione, ma ricordati che "il mondo è bello perchà© è vario", quindi tra 1000 persone che leggono, di sicuro almeno 20 che travisano e si offendono, li trovi) potrebbero offendersi, ed in secundis a te stesso, perchè parlando con calma potrai essere di maggiore aiuto a chi legge ed evitare di sminuire il tuo operato (chiarimenti al punto B).

A parte questa storia del nervosismo che mi pare sia percepita unicamente in questo forum, poichà© io mi limito ad esporre le mie argomentazioni in favore di una causa in cui credo fermamente, non vedo nel termine í¢â‚¬Å“assassinií¢â‚¬ cosa ci sia di sbagliato: non vuol forse dire colui che toglie la vita? Ebbene uccidere piante, vertebrati, invertebrati, funghi e una miriade di chissà  quanti e quali protisti e batteri vari come vorresti appellarla?
E ripeto, io non ho mai dato del pezzente a nessuno, ho solo detto che spesso e volentieri le persone sono disposte a spendere cifre considerevoli per aggiungere qualche nome in lista, ma appena gli si tocca il borsello per altre tematiche nessuno è pi๠disposto a spendere nemmeno un centesimo in pià¹.

Inoltre:
Er Biconzo ha scritto:Ma da realista quale sono, affermo che se è ancora cosi poco diffusa non è una questione di ignoranza o menefreghismo della collettività , ma il tutto è da ricercarsi unicamente nel maggior costo della fibra di cocco.

A mio avviso dire questo costa di pi๠quindi non lo uso e che le torbiere vengano vangate per un mio capriccio è menefreghismo della collettività .
Immagine
Avatar utente
Simeth
Utente
Utente
 
Messaggi: 26
Iscritto il: 16/06/2010, 15:19
Località: Lugano - Svizzera

Re: Fibra di cocco

Messaggioda Crusher_182 » 09/10/2011, 22:17

Crusher_182 ha scritto:Simeth il cocco che usi che salinità  ha?? Lo sciacqui prima di adoperarlo??
Alessandro

??? Poi volevo chiederti anche se conosci qualche sito online dove comprare le Chips di cocco a prezzi decenti e non 1 euro al litro come quelle che si utilizzano per i rettili!
Alessandro
Perchà© stai leggendo la mia firma filiuolo???
MY GROWLIST
Avatar utente
Crusher_182
Utente
Utente
 
Messaggi: 611
Iscritto il: 11/05/2010, 20:16
Località: Roma

Re: Fibra di cocco

Messaggioda Er Biconzo » 09/10/2011, 22:23

Simeth ha scritto:Allora, sino a quando non si andrà  a ridurre la domanda di torba perchà© "il cocco è caro e allora non lo compero" è ovvio che i produttori continueranno a venderlo, come è altresଠovvio che sino a quando non aumenterà  la domanda del cocco il suo prezzo rimarrà  "alto".



sai benissimo che non è cosà¬, perchè le giornate "verdi" (che in italia si fanno dagli anni 70), con le macchine lasciate a casa e l'impossibiltà  di entrare in città  (risolvibile con macchine ad impatto zero, come quelle ad idrogeno) non ha cambiato nulla: continuiamo ad usare in tutto il mondo sempre e soltanto combustibili fossili, che siano pi๠o meno inquinanti poco cambia, perchà© si ha la dimostrazione palese che siamo sempre li, come 100 e pi๠anni fa, a bruciare sempre la stessa roba, e si smetterà  solo quando starà  per finire e quindi costerà  di meno usare fonti alternative (le fonti alternative di oggi saranno le fonti primarie del domani)

Simeth ha scritto:I contadini vanno educati, poichà© l'uso del compost sarebbe a loro sicuramente pi๠conveniente, dà  pi๠benefici al suolo e inoltre è pi๠stabile nel tempo per le sue proprietà  chimico-fisiche (e questo lo dicono anche professori di pedologia).


Il compost (che io apprezzo al punto da avere in progetto una compostiera per poterlo produrre per il mio giardino) necessita di una grande produzione: in svizzera avete già  compost per soddisfare migliaia e migliaia di ettari quadrati di coltivazione(perchè quando parlo di contadini non parlo ovviamente del piccolo con l'orto, ma delle grandi aziende, che sono loro a fare i danni veri)?
Noi in Italia purtroppo no....quando ci si potrà  arrivare, si arriverà  alla quadratura del cerchio :)



Simeth ha scritto:Anche io sono con i piedi per terra e la realtà  dei fatti è quella che è: se si continua ad usare torba per pigrizia o per permettersi una o due sere in pi๠al bar o al cinema, le torbiere continueranno ad essere sfruttate per ricavarne torba, e arrivati ad un certo punto sarà  ormai troppo tardi persino iniziare opere di restaurazione.


ripeto, purtroppo l'usare fonti alternative, nella coltivazione come nell'alimentazione dei nostri motori, è una scelta che spetta non solo a noi ma a tutta la colletività : solo quando i governi metteranno a disposizione le fonti alternative per tutti ed omologarle non pi๠come fonti "alternative" ma come nuove fonti primarie, si potrà  fare il salto di qualità .
Cosଠè sempre stato nel mondo, e sempre purtroppo lo sarà .



Simeth ha scritto:A parte questa storia del nervosismo che mi pare sia percepita unicamente in questo forum, poichà© io mi limito ad esporre le mie argomentazioni in favore di una causa in cui credo fermamente, non vedo nel termine í¢â‚¬Å“assassinií¢â‚¬ cosa ci sia di sbagliato: non vuol forse dire colui che toglie la vita? Ebbene uccidere piante, vertebrati, invertebrati, funghi e una miriade di chissà  quanti e quali protisti e batteri vari come vorresti appellarla?
E ripeto, io non ho mai dato del pezzente a nessuno, ho solo detto che spesso e volentieri le persone sono disposte a spendere cifre considerevoli per aggiungere qualche nome in lista, ma appena gli si tocca il borsello per altre tematiche nessuno è pi๠disposto a spendere nemmeno un centesimo in pià¹.


Forse su altri forum non si pone il problema del tuo nervosismo perch੠gli altri sono molto pi๠nervosi di te.
Se una persona di 40 anni (Raistlin) ti fa notare che effettivamente sei nervoso (cosa notata anche da tutti gli altri) le cose sono due:

O effettivamente sei nervoso per gli standard di questo forum, oppure gli strani siamo tutti noi.
In ogni caso per il quieto vivere, se ti piace stare su questo forum, ti prego di volerti adeguare ai modi cortesi che vigono da queste parti.

Per quanto riguarda "assassini" ed altri appellativi che hai detto so che non ci vedi nulla di male (dipende dal tuo personale punto di vista), ma tra qualche anno capirai a cosa mi riferisco, è semplicemente che per capire certe cose bisogna prima un pò "invecchiare" nell'animo :)
Nessuno che compra la torba è un mafioso che si fa scavare su commissione quella determinata torbiera, semplicemente compra un prodotto che trova già  pronto e che è venduto da molto prima che nascesse lui stesso: che lo faccia per negligenza, ignoranza o per volontà  di farlo, il suo punto di vista va rispettato, sempre.


Er Biconzo ha scritto:Ma da realista quale sono, affermo che se è ancora cosi poco diffusa non è una questione di ignoranza o menefreghismo della collettività , ma il tutto è da ricercarsi unicamente nel maggior costo della fibra di cocco.


Simeth ha scritto:A mio avviso dire questo costa di pi๠quindi non lo uso e che le torbiere vengano vangate per un mio capriccio è menefreghismo della collettività .


Anche senza i nostri acquisti di torba, le torbiere saranno (sai bene che è cosà¬, l'uomo distrugge, non costruisce) sempre scavate (come è da sempre, da prima del 1990 quando sei nato tu e da prima del 1985 quando sono nato io)) e cosଠandrà  avanti fino all'esaurimento.
Lo stesso è per il petrolio, per l'oro, il rame e qualsiasi altra fonte di guadagno per l'essere umano.
Io te lo ripeto, sono il primo ad apprezzare ed amare la natura (vivo in aperta campagna e mai mi sognerei di andare a vivere in città , in mezzo a smog e rumori), ma riesco a distinguere ciò che dipende da noi singoli (il chiudere il rubinetto dell'acqua mentre ci insaponiamo, lo spegnere la luce quando non serve e l'usare lampadine a basso consumo) e ciò che invece è deciso dalle multinazionali, ovvero quello che dobbiamo/possiamo usare (mi riferisco su scala mondiale).
Avatar utente
Er Biconzo
Amministratore
Amministratore
 
Messaggi: 7802
Iscritto il: 23/03/2010, 19:24
Località: Albano Laziale (ROMA)
Medals: 1
Amministratore (1)
Titolo: The Doctor
Coltivatore: 19 feb 2002
Nome: Gianluigi

Re: Fibra di cocco

Messaggioda Fighter91 » 10/10/2011, 17:46

Quotando in pieno gian (anche il fatto del tuo nervosismo, probabilmente qui notato per l'armonia vigente su cpi) ti chiedo di rispondere alle domande che ti sono state fatte, condividere con noi la tua esperienza risulterà  sicuramente proficuo :)
Altrimenti sembrerebbe che tu risponda solo per alzare i toni, cosa decisamente da evitare e che sappiamo non essere tua intenzione :)
Rock around the World

\,,,/>.<\,,,/

Growlist
Avatar utente
Fighter91
Collaboratore
Collaboratore
 
Messaggi: 1342
Iscritto il: 24/04/2010, 14:21
Località: Genova
Medals: 1
Contributo al WP (1)
Titolo: Rocker
Coltivatore: 0- 6-2006
Nome: Lorenzo

Re: Fibra di cocco

Messaggioda Simeth » 11/10/2011, 12:03

Fighter91 ha scritto:Quotando in pieno gian (anche il fatto del tuo nervosismo, probabilmente qui notato per l'armonia vigente su cpi) ti chiedo di rispondere alle domande che ti sono state fatte, condividere con noi la tua esperienza risulterà  sicuramente proficuo :)
Altrimenti sembrerebbe che tu risponda solo per alzare i toni, cosa decisamente da evitare e che sappiamo non essere tua intenzione :)


Io ho già  e continuo tuttora a condividere la mia esperienza con post, discussioni ed immagini, ovviamente il tempo è quello che è e quindi non posso tenere aggiornati sempre tutti i forum che visito. Premesso questo e vista l'esistenza di un topic che tengo costantemente aggiornato mi permetto di linkarlo direttamente in modo tale che chiunque possa trovare risposta alle proprie domande, sia lଠche tramite domande in via privata.
Tuttavia dal momento che il nervosismo altrui e la relativa censura (ma non mi si rimproverava di non rispettare le idee altrui o di demonizzare un determinato oggetto?) mi impedisce di linkare a tale post, chi ne fosse interessato può prendere privatamente contatto con me e sarò ben lieto di proseguire una proficua discussione che non tratti unicamente del mio aspetto emotivo, ma bensଠdi un'alternativa valida che può far la differenza sulla difesa di un habitat unico, quali sono le torbiere.
Immagine
Avatar utente
Simeth
Utente
Utente
 
Messaggi: 26
Iscritto il: 16/06/2010, 15:19
Località: Lugano - Svizzera

Re: Fibra di cocco

Messaggioda Ermes » 11/10/2011, 12:30

Simeth ha scritto:
Io ho già  e continuo tuttora a condividere la mia esperienza con post, discussioni ed immagini, ovviamente il tempo è quello che è e quindi non posso tenere aggiornati sempre tutti i forum che visito. Premesso questo e vista l'esistenza di un topic che tengo costantemente aggiornato mi permetto di linkarlo direttamente in modo tale che chiunque possa trovare risposta alle proprie domande, sia lଠche tramite domande in via privata.


Perchè non ne apri uno in questo forum, scrivendo a che punto sei arrivato con la tua esperienza con il cocco, qui molti stanno provando la fibra di cocco ormai da un pò di tempo, e sarebbe molto stimolante, parlarne tutti assieme dei pro e dei possibili contro, trovare le marche migliori ecc... sicuramente troverai molto pi๠confronto qua che su altri forum di questo ne sono sicuro, il tutto sempre nel rispetto delle idee degli altri . Spero di essere stato capito :D
Immagine
Avatar utente
Ermes
Moderatore
Moderatore
 
Messaggi: 1302
Iscritto il: 01/06/2010, 19:00
Località: Palermo
Medals: 1
Contributo al WP (1)
Titolo: Ziobenny l'Africano
Coltivatore: 13 mag 2010

PrecedenteProssimo

Torna a Le vostre esperienze, scoperte, esperimenti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti

cron